To top
19 Gen

Donne in cravatta

donne-in-cravatta

Le donne in cravatta? Estremamente affascinanti!

L’origine della cravatta risale al regno di Luigi XIII in Francia. Durante questo periodo, il re francese reclutava soldati (mercenari) dalla Croazia che erano soliti utilizzare fazzoletti annodati al collo per proteggersi dal freddo, allora conosciuti come “echarpes”, che loro chiamavano “hrvatska” (nome Croazia in croato). Lo annodavano formando una piccola rosa, lasciando cadere le estremità sul petto. La “croatta” piacque tanto ai francesi, tanto che la adottarono sin da subito chiamandola “cravate” e la diffusero in tutto il mondo.

La cravatta comunica…

La cravatta la dice lunga su chi la indossa, la sua posizione sociale, i suoi gusti estetici e stilistici o addirittura le sue opinioni politiche. Negli ultimi anni la moda femminile ha riscoperto questo elegante accessorio, definitivamente libero da convenzioni e rigidi codici di abbigliamento. Non ci sono regole, né dress code da rispettare: indossare una cravatta, per una donna, è sempre e solo una scelta. È anche per questo che il nodo è meno rigoroso, meno preciso, ma più disinvolto, quasi casuale, più largo e morbido rispetto al classico nodo maschile triangolare. Le donne in cravatta rappresentano un grande ritorno che la moda femminile saluta puntando i riflettori sulla cravatta in tutte le sue sfaccettature e nei suoi svariati contesti.

Staff
Nessun commento

I commenti sono chiusi